Il Grande Carro è probabilmente la figura più conosciuta in cielo.

Ma forse non tutti sanno che è solo una parte dell’enorme costellazione dell’Orsa Maggiore.

In cielo ci sono tante costellazioni, alcune più note e altre meno conosciute.
Oltre alle 12 costellazioni zodiacali ce ne sono altre 76.
Dall’Italia, a seconda della propria posizione, si riescono a scorgere all’incirca 60 costellazioni durante lo scorrere dei mesi.

Ed è così che anche la disamina del cielo ad occhio nudo può diventare una vera e propria sfida avvincente nell’identificare fantastiche costellazioni come il Drago o godere della visione del Cane Maggiore con la sua luminosa Sirio.

Oltre alle costellazioni, ad occhio nudo è possibile cimentarsi nella difficile ma entusiasmante visione di alcuni oggetti del profondo cielo come ammassi stellari fino a scorgere la Galassia di Andromeda (distante 2 milioni e mezzo di anni luce e visibile ad occhio nudo!).

Per fare ciò bisogna recarsi in località particolarmente buie e sapere esattamente dove e cosa cercare.
Se non si ha mai compiuto un’osservazione al limite come questa, bisogna tenere conto che con una persona esperta che ci guidi nella ricerca, diventa tutto più facile.

Questi sono solo alcuni dei motivi per cui le serate con osservazione delle costellazioni ad occhio nudo sono dei momenti per godersi insieme il cielo senza filtri o strumenti ottici tra noi e l’immensità dell’universo.

Tra gli altri, c’è la possibilità di recarsi ad osservare in luoghi non raggiungibili trasportando con se pesante strumentazione astronomica.
Si ha così la possibilità di unire questa attività a trekking serali e ciaspolate.

SE VUOI PRENOTARE O RICEVERE INFORMAZIONI SUL PROSSIMO EVENTO DEDICATO ALL’OSSERVAZIONE DELLA LUNA CLICCA QUI